KKK - SOK SAN

Il villaggio di Sok San è il più piccolo dell’isola di Koh Rong. Ospita circa 45 famiglie in un piccolo agglomerato di case sorto nei pressi di una spiaggia bianchissima lunga 9 km. La maggior parte degli abitanti si è da sempre dedicato alla pesca, recentemente il villaggio ha conosciuto un piccolo sviluppo del turismo perché nei pressi del villaggio sono sorti tre resort con bungalow. In realtà l’aumento del turismo rappresenta una minaccia più che un’opportunità per gli abitanti del villaggio in quanto mette a rischio la loro proprietà del terreno. Il villaggio di Sok San infatti, a differenza degli altri quattro villaggi presenti sull’isola di Koh Rong non è stato regolarmente registrato presso le autorità competenti e la popolazione locale non possiede certificati di proprietà.

Nel 2008 una grossa parte di questa terra è stata venduta ad un gruppo di imprese facente capo ad un potente magnate. Ad oggi non è chiaro se egli possegga o meno la terra sulla quale vivono gli abitanti di Sok San. Il piano di trasformare parte dell’isola in un resort di lusso è stato momentaneamente sospeso a causa della crisi economica ma la comunità vive sotto la continua minaccia di uno sfratto. Dal momento che il primo centro sanitario disponibile non è raggiungibile per la maggioranza degli abitanti, CCS organizza controlli medici periodici per la comunità di Sok San, durante i quali vengono distribuiti farmaci antiparassitari specifici, vitamine, curati i disturbi comuni ed effettuate le principali vaccinazioni. Quando è necessario CCS provvede al trasferimento dei bambini sulla terraferma affinché ricevano cure specifiche.