Per migliorare la propria competitività

PER MIGLIORARE LA PROPRIA COMPETITIVITÁ

(quando l’etica diventa un fattore competitivo)

  SOSTEGNO DI UN PROGETTO ITALIA (CSR TERRITORIALE): COMUNICAZIONE DELL’INIZIATIVA SUL TERRITORIO DI APPARTENENZA DELL’AZIENDA, CRESCITA DELLA REPUTAZIONE E MIGLIORAMENTO DELL’IMMAGINE AZIENDALE, CREA COESIONE NELLO STAFF

Altri esempi: Donazioni in denaro, match giving aziendale, gift in kind, team building, aste aziendali (permessi speciali, giorno di ferie extra), organizzazione di eventi.


RIFERIMENTI FISCALI

E' possibile dedurre dal proprio reddito le donazione a favore delle ONLUS, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 Euro annui (art. 14 comma 1 della legge 80 del 14/05/2005)

OPPURE PER LE DONAZIONI IN DENARO: E' possibile dedurre le donazioni a favore delle ONLUS per un importo non superiore a 2.065,83 Euro o al 2% del reddito d'impresa dichiarato (art. 100 comma 2 lett. h del Dpr 917/86)

OPPURE PER LE DONAZIONI IN NATURA: E' possibile dedurre le donazioni, il cui costo specifico complessivo non sia superiore a 1.032,91 €, per un importo non superiore a 2.065,83 Euro o al 2% del reddito d'impresa dichiarato. (art. 13 comma 3 del Dlgs 460/97) Per la cessione di derrate alimentari e prodotti farmaceutici alla cui produzione o scambio è diretta l'attività dell'impresa non vi è un vincolo di costo. (art. 13 comma 2 del Dlgs 460/97)

VOLONTARIATO D’IMPRESA: Sono deducibili le spese relative all'impiego di lavoratori dipendenti, assunti a tempo indeterminato, utilizzati per prestazioni di servizi erogate a favore di ONLUS, nel limite del cinque per mille dell'ammontare complessivo delle spese per prestazioni di lavoro dipendente, così come risultano dalla dichiarazione dei redditi. (DPR 917/1986, art. 100, comma 2 lett. i)

PAY ROLL GIVING – donazioni trattenute in busta paga: Agevolazioni fiscali previste per le donazioni in denaro degli individui.