Aggiungi un Pasto a Tavola

Ad Acquasanta riparte la mensa scolastica

"Grazie per la mensa, è bello mangiare insieme": lo scrive uno degli alunni di Acquasanta Terme, sopra il disegno vivace e colorato che, come tanti suoi compagni, ha voluto preparare per questa occasione speciale.

In frazione Centrale, nella nuova scuola Bernardo Tucci entrata in funzione solo poche settimane fa, oggi è stata finalmente inaugurata la mensa e i 135 alunni della scuola dell’infanzia e della scuola primaria di Acquasanta hanno riconquistato un altro tassello della quotidianità perduta a causa del terremoto dello scorso agosto: una conquista possibile grazie alla solidarietà di tanti donatori che hanno deciso di sostenere il progetto Aggiungi un pasto a tavola della onlus ligure CCS Italia.

“La cerimonia è stata molto emozionante, la vivacità e la gioia dei bambini ci hanno travolti” racconta il Segretario Generale di CCS Alessandro Grassini. “Siamo felici e orgogliosi di essere stati presenti in un momento tanto atteso da questi bambini e dalle loro famiglie”.

In una sala gremita da una rappresentanza dei genitori dei bambini e da tutti i bambini della scuola elementare (i bambini della scuola dell'infanzia erano già seduti a tavola perché i tempi dei bambini vanno comunque rispettati!), il Sindaco Sante Stangoni ha salutato tutti e ha chiesto ai bambini se fossero contenti della nuova scuola e della nuova mensa scolastica. Un grande coro ha risposto “sìììììììì!!!!”.

Il Sindaco ha ringraziato CCS Italia per essersi assunto l’impegno di finanziare il servizio mensa da oggi fino al termine dell’anno scolastico e ha ringraziato per l'assegno di 50.000 euro che gli è stato consegnato simbolicamente da Alessandro Grassini come prima tranche del finanziamento. “Siamo sicuri che raggiungeremo il traguardo finale dei 100.000 euro necessari ad arrivare a giugno, perché le persone sono desiderose di contribuire a progetti concreti come questo”.

.

L’indicazione d’intervenire ad Acquasanta Terme era arrivata a CCS Italia dalla Protezione Civile, pochi giorni dopo il primo forte sisma di agosto, dopo che l’organizzazione genovese, dal 1988 impegnata in progetti a favore dell’infanzia, aveva dato la propria disponibilità ad aiutare le popolazioni colpite.

"Partiamo sempre dalla scuola nei nostri interventi e la mensa è un servizio fondamentale per garantire la frequentazione scolastica, qui in Italia come all'estero dove operiamo, dal Mozambico al Nepal, dall'Italia alla Repubblica democratica del Congo" spiega Grassini.

“L’Italia sa costruire ponti di vera solidarietà e la solidarietà degli italiani diventa grande se a chiamare sono i bisogni dei bambini. Un grande grazie a tutti i donatori che hanno donato fino ad oggi e a quelli che vorranno donare domani, perché i bambini sono il nostro futuro” conclude.

Ora tutti a pranzo insieme ai bambini di Acquasanta per festeggiare insieme questo grande momento di soddisfazione. Uniti si può, come ripete spesso Elisa Ionni, Assessore all'Istruzione del Comune di Acquasanta. "Per ricominciare, per tornare a una vita normale, per ricostruire i cuori dei bambini ancora terrorizzati dalle scuole", queste le parole della dirigente scolastica Patrizia Palanca.